Categorie
2022 News-IT

TRE VERIFICHE ESSENZIALI PER I PROPRI SISTEMI

news

TRE VERIFICHE ESSENZIALI PER I PROPRI SISTEMI

Non è certo un mistero che i cyber attacchi siano all’ordine del giorno.


I cyber criminali cercano e sfruttano continuamente nuove problematiche per essere più efficaci nelle loro azioni criminali.


A questo si aggiunge la rapida evoluzione dei sistemi informatici ormai largamente utilizzati, che dovrebbero essere aggiornati tempestivamente.


Se le nostre reti ed i sistemi che le compongono crescono rapidamente, può diventare complesso identificare e tenere sotto controllo le eventuali problematiche che potrebbero esporci a cyber attacchi e perdite di dati.


Vediamo quindi quali sono le tre verifiche essenziali che dovremmo effettuare periodicamente sui sistemi informatici.



1) VULNERABILITY ASSESSMENT


Il Vulnerability Assessment è la verifica puntuale delle problematiche (vulnerabilità) di cui sono affetti i sistemi informatici dell’azienda.


Tra queste sono incluse l’assenza di aggiornamenti dei sistemi o delle applicazioni, mis-configurazioni, difetti di progettazione, protocolli errati, condivisioni dannose, utenze non più in utilizzo, ecc.


Queste problematiche, se sfruttate da un attaccante malintenzionato, potrebbero portare alla violazione dei sistemi con conseguente infezione da parte di malware o perdita di dati.


È importante eseguire un approfondito Vulnerability Assessment dei sistemi aziendali (server, pc, dispositivi mobili,) almeno una volta all’anno, meglio se più frequentemente.


La gestione continua e regolare del ciclo di verifica delle vulnerabilità viene indicata con il termine Vulnerability Management.


Questa rappresenterebbe l’ideale per il monitoraggio dei sistemi e l’identificazione tempestiva delle problematiche.


Ma richiede anche risorse dedicate a questo processo e in mancanza di queste risorse, è essenziale affidarsi ad un buon esperto di Cyber Security che possa effettuare un Vulnerability Assessment dei sistemi almeno ogni 6-12 mesi.



2) PENETRATION TEST


Il Penetration Test è la verifica della sfruttabilità delle vulnerabilità rilevate con il Vulnerability Assessment.


In pratica, se il Vulnerability Assessment scova le problematiche dei sistemi, con il Penetration Test si testa quanto e come queste potrebbero essere utilizzate dai cyber criminali per violare gli stessi sistemi.


Si tratta di un test complesso, condotto dal punto di vista di un potenziale attaccante simulando l’attacco informatico di un utente malintenzionato (pur assicurando di non apportare danni reali ai sistemi che si stanno testando, ma valutandone gli effetti potenziali).


Viene effettuato da Ethical Hackers con una conoscenza approfondita dei sistemi e dei protocolli.


Sebbene spesso il Vulnerability Assessment sembri una verifica sufficiente, è solo tramite il Penetration Test che si può valutare davvero il grado di esposizione dell’azienda ai cyber attacchi, ma anche i dati ed i sistemi che un criminale potrebbe raggiungere una volta ottenuto l’accesso.


È essenziale effettuare entrambe le verifiche ed affidarsi ad esperti Cyber Security di lunga data che saranno in grado di assicurare alta affidabilità pur conducendo test efficaci.



3) CODE REVIEW


La Code Review è la verifica del codice con cui sono scritte applicazioni software e siti web alla ricerca di vulnerabilità e di problematiche di qualità che potrebbero essere sfruttate per violare questi sistemi o che potrebbero in ogni caso influire negativamente sul corretto funzionamento.


La revisione del codice viene quindi eseguita per scovare difetti, funzionalità errate o pericolose, eventuale presenza di malware, ma anche per migliorare la qualità, le prestazioni del software e verificare la compatibilità con gli standard di sicurezza.


È molto importante che questa attività venga condotta da personale differente rispetto all’autore o agli autori del codice oggetto di verifica, e che chi la esegue abbia un’ottima conoscenza dei sistemi e dei linguaggi di programmazione.


Spesso ignorata tra le verifiche dei sistemi informatici, l’attività di Code Review dovrebbe invece essere obbligatoria in particolare in presenza di software critico, applicazioni (incluse quelle mobili) che trattano dati sensibili e portali di e-commerce.


È buona pratica eseguire la revisione del codice prima che le applicazioni e i siti vengano messi in esercizio, per poter mitigare le eventuali problematiche scovate.


Ma è altresì importante ripetere la verifica periodicamente per assicurare che non siano presenti nuovi difetti (come ad esempio un malware iniettato nel codice).


Buon lavoro!

Latest news

SCUOLA E CYBER SECURITY

Settembre è il mese in cui ricominciano le scuole, ma la Cyber Security è sempre in agguato ed è importante conoscere i rischi e le...

Read More
Categorie
2022 News-IT

2022: LE TRE TENDENZE PIÙ SIGNIFICATIVE DELLA CYBER SECURITY

news

2022: LE TRE TENDENZE PIÙ SIGNIFICATIVE DELLA CYBER SECURITY

La pandemia ha certamente cambiato molti aspetti delle nostre vite.

Se da un lato il maggior ricorso allo smart working e la diffusione del digitale ci hanno semplificato le cose, dall’altro ci hanno esposti maggiormente a cyber crimine, truffe ed estorsioni.

Negli ultimi due anni infatti c’è stato un aumento mai visto prima dei cyber attacchi, cresciuti sia in frequenza che in criticità.

E non c’è nessun accenno di cambiamento a questo andamento.

Vediamo insieme quali sono le tre tendenze più importanti e significative della Cyber Security nel 2022.

 

RANSOMWARE

I ransomware sono una minaccia sempre più diffusa.

Utilizzati solo nell’8,5% dei cyber attacchi nel 2018, nel 2021 vengono invece impiegati in oltre un terzo dei casi, un trend che sembra aumentare.

Inizialmente venivano distribuiti prevalentemente a partire da attacchi di phishing, ma stanno diventando una minaccia sempre più elaborata, spesso messa a disposizione tra i criminali con modalità “As A Service“.

COSA SI INTENDE PER “AS A SERVICE”?

Se una volta l’attaccante era con grande probabilità anche il produttore del malware, e quindi un esperto di sistemi informatici, ora chi produce ransomware li mette a disposizione e non è necessariamente chi effettua gli attacchi.

Il risultato è che anche i criminali tradizionali possono trarre profitti dal crimine informatico e se ne stanno interessando sempre di più.

Non è più un mistero infatti che da anni il mercato del cybercrime ha superato i proventi del mercato della droga.

Inoltre, il ricorso al fenomeno della “double extortion” non aiuta: oltre al tradizionale ricatto per decifrare i dati infettati dal ransomware, i criminali iniziano ad utilizzare anche un secondo ricatto per non diffondere i dati (trafugati prima di cifrarli), con il rischio di far circolare informazioni molto sensibili.

COME SI PUO’  ARGINARE IL PROBLEMA?

Il ricorso a soluzioni di backup correttamente configurate, aiuta a recuperare i dati evitando il tranello del ricatto tradizionale, ma, sfortunatamente, per la “double extortion” non c’è cura.

L’unica possibilità è evitare quanto possibile che i criminali riescano a penetrare nei sistemi e ad impossessarsi dei dati, in particolare di quelli più sensibili.

Un risultato che può perseguire in tre modi: dotandosi di apposite soluzioni anti malware, monitorando costantemente i sistemi alla ricerca di anomalie e mitigando le problematiche rilevate periodicamente.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Esattamente come viene utilizzata dai servizi finanziari per rilevare le frodi, l’Intelligenza Artificiale (AI) nella Cyber Security aiuta ad identificare modelli di comportamento anomali, indicatori di un attacco in corso o già avvenuto.

Considerando che ogni apparato connesso in rete può produrre log (ovvero i registri degli eventi), per individuare le anomalie non sono certo le fonti a mancare.

Il vero problema, al contrario, è riuscire ad analizzare un numero di fonti sempre crescenti per scovare prontamente le problematiche ed essere in grado di intervenire in maniera efficace e tempestiva.

L’AI è utilissima per questo scopo e sempre più aziende nel 2022 decideranno di integrare questa tecnologia nelle loro soluzioni.

Sfortunatamente lo stanno facendo anche i cyber criminali che sfruttano l’AI per riuscire ad eludere in maniera sempre più efficiente le difese informatiche.

Il ricorso all’Intelligenza Artificiale resta l’unica difesa per contrastare attacchi basati su AI.

IOT

Si prevede che il numero di dispositivi connessi, noto come “Internet delle cose” (IoT), raggiungerà i 18 miliardi entro il 2022.

Tra questi rientrano tutti gli elettrodomestici connessi in rete che sono sempre più diffusi.

La conseguenza è un numero crescente di potenziali punti di accesso per i criminali, che, penetrando facilmente all’interno di questi sistemi, normalmente meno protetti dei comuni computer, possono poi raggiungere tutto ciò che si trova nella stessa rete.

D’altra parte difficilmente si pensa di installare un antivirus ad una smart TV o ad un frigorifero.

Ma se il nostro computer è sulla stessa rete smart TV, anche i nostri dati sono a rischio.

Nel 2022 continueremo a vedere crescere gli attacchi verso IoT ed è importante iniziare a considerare alla stregua di computer tutti i dispositivi in grado di connettersi ad Internet, mettendo in pratica le medesime strategie difensive.

Come sempre, la consapevolezza si dimostra la prima e più importante strategia.

Buon anno!

Latest news

SCUOLA E CYBER SECURITY

Settembre è il mese in cui ricominciano le scuole, ma la Cyber Security è sempre in agguato ed è importante conoscere i rischi e le...

Read More
				
					-----BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK----- xsFNBFyONI0BEAC3wJRo5qhtr1KsqVdMz7b5JqHmt7H0ZZr14oJ9TV/hD9LMfrKpnQ94dFGnpfGa BKC1wSoJN4Yfs5lg5YmN4hmHmm6PkjgQdenVgL4YDfLDodwn5DgXKuywRBqIFbbnTDvFAb03DX2A FPnc+4g2QHsfiFycz+ISg/Z+8i21gY3j5oZlrdMKVWrNczrNc/lDJqJ36RSYDn1QzAW1ZGY/pUXk imPRvLew5Idr3462sZVVhuUFMD3Uf/W1SaS3bSEQM89pSYKZfo8AFpAs659Mn7gqKru6ndxilRdF wJGQuepqR8kz+vVPLyxJj68ii2ZBIY50RQvSBgJRnNF/Htp30cuk3v8jfSGZit9XYTTGQThVbfGR ZcKWze/iF+es110+mNXA/8s7jKs95PI+z1Foc9o74Ujs8dvjEGHTaESIEzX3JtEZUCZUiPt/P8pU Jw0ewbj1XCacYxYVsR7ODlf6GEsjt868WcjiqsuuZo2rzO4og9hFU5DlBzuePklfhw8dO5CiMN2H vtSkAn4DkgHqC+JiciHc9h5Cvvfjp52oQPj1eYmU3LkOvGFmPXVIts3VfxsQT3gk+DmrQ4J//fAl tNRSbMBnGu5F/qnLLkJmKRKPKNNcpjptFznKxLZbxW5QbAeDok3ho8YQACfADKcrmaIRkoPr8/mn PxZgMSMB87W7sQARAQABzSRTb2ZpYSBTY296emFyaSA8c29maWFAaGFja21hbmFjLmNvbT7CwZQE EwEIAD4WIQTNwEbcXbH0vegGlHCd6fr0nsTifwUCXI40jQIbIwUJEswDAAULCQgHAgYVCgkICwIE FgIDAQIeAQIXgAAKCRCd6fr0nsTifwKuD/4+3MaN+9eFiltI06fFBjr1Csh0OLFw89jFnpuYl9Sm ImVqmBwrnm+APxxLK4M+FMuNm4fW08X249t09Nsf0ba6UJ0HR/7/fRTipjzRLqHSr0+ZjVUGHhon fuuFZgNzPA5RmQZZCyiwyqZJs7pLn1QI/CtlDP6MsQhadywbkO/5LlDoBoYh/2DYNA/mtEfJbvc/ cOvfk47thj5OzcXJEWFxz7h2P5C2ELwxdhNPC+uqcOQkTScnuIBJooheJPhdmqOtOwrbUUIfaryM IESrol3Jg3/MUOe7FLXhwCSQGY1iefzl4py2jTeK936GMBHifLSUCA88lpE7ALkbf3+qJ9ABra9G e9e0dirIlPvFgBkEBBXsoIReQLrhHKFBtvKdrrE9Rb7kAwon+sW+3Uf6Ie3M8nTisGy2AmlI/tQ5 V0MHU2UJUNcc59hk7ADIlXN64eeqELgsMtlR4wEHd6nwcEpoPCTWfrVSwzsPtXUGNAGbgGxISv/F ltcFJ6Qw6Zy4f+YBEyCx/7GA3kjLllkcHv4kwHpP+WQCzbjh2JdkGEp5AY7puil1AtOFcbirbHbR 83KVeqx4Vvlyh2jhIDQYB/9qpTDC1xDKpndn40gnNd5hvjK0I0Xvbhb0PLhCpJQ5tsvPiQHjhOMF Wye3ZigaX1gTZxE29MLtwBbOYdGCYG0MrM7BTQRcjjSNARAAupAKTZXLRktriUVqhkZpU8zUVwrW ik6siStg7BppSJuKVW+Ic8QIagW0I48d2jZIIXrQRvqVBixn8eeBTE8Cujum1mZyhTw2sri3gE9i 81gisF17T/uewzRyYwx8obMfSEBnwJa44td7VjtbfLMRtfneK9R40+kELhhvXZa3DBbcG86zHVPU f1YkLX4RNSyjz4vOCX3WlcIAOr6MJA8DT+F5mUCVEhnkeUbflXtxRSeTUTfOw/3MYLs+mc6hWwLq gqTMcIQhDrYEY5wUgb5Mj86NR/uvsThL6MtWCJWVbfxHxM575woyTdD9E6HGO6loHYdky/7I+XFZ twgxsGn6HJYT+Gwn9BI5/DiwT1Qb/AyADktN1jGmZGTlniS+hly7rm0EHb2CTTM5zT1fh/sCOtQb nYIUf2in2cIfcFvzeFrUbDk2HfJMp5FmY6tBEV5xyNCww/mBkW2nuZy9CvAheJEOGoO8lyonPU2u ARq345LdbS6l+VdivPmZoLNpIMRw9MSTYmzm08h7C+/6hxzpjw1/nWZ+W2k9VpLutEs7KMtsbZR4 WhVFVS1uhqxrnjoeBHznh360Ou8SR+PFO0HIrYz4W7ayfcBhqcsGrM9u1E892gjUVTbPv8UoXQ8S Zm9ra2jqbfZGbyOpMIlyMzHTak7r0IZvCedEUDCimitbw98AEQEAAcLBfAQYAQgAJhYhBM3ARtxd sfS96AaUcJ3p+vSexOJ/BQJcjjSNAhsMBQkSzAMAAAoJEJ3p+vSexOJ/C+wP/iGvKG1NldCT2gR7 oWhmvgBnsD7qjC57RX0Go7WD1lmrWP4xWpvM6Tj0V4ZsXnyB8zUR38p49PPymjwy51FAss5PYh8S bVC1/sKC5Sae3kiAoMGH29MBAwL1IkJ8PNw6uOJHhUIJgKT5RWk2f7q3+Tha19slXwD/FC1IcBJK baxyVkG3cG5AnNvvKZyFAUNZ9FiBycaNHO4o6bCcCzSsaRLL2azudJLrF8UYPfTNBQ6Cr4QLqaRb t+ZqL2nqmcadO1AtxLtq5lQjxbhJ3jSYIcQJRq0ztbIBcPrdR2B/dfVED9cU5leSmNXxrh09gJ7N tmUpVo5fBcbf6fP7h2HIFBpH+G/8UUlcbm9pQ5Jcb8FEom0JrfaIAuv1gEIJAk1mkqLNzWUs8KuL nCBBVT2+2hfEZjtjUYbCLVB4LRCsLs9CY1wS3yKca90S8m0tfKcSj3K3k8qlKodkE2raX2GW2dm9 b200ENbb41B1uZlPts4Yh/AMfLqoNv8wyw0GlUQ2DqgDqviLANYbg4/GHwTLwO2b9UMHuTVU3woS 1LRKt0iPPsd+ir+9YRAVt5LB5XTS5C5cdIW9JSXQ+0cnbr3LPZCBulOew/M72liBINKWKGoUyueF 73ckNO9S7pzTOCpjn3+gAuzN/itwgwrMLoqUqqBuxzd7cKNJHTFdTIfTm53f =KIMs -----END PGP PUBLIC KEY BLOCK-----